Corso di chitarra

Il corso di chitarra promosso dalla biblioteca sarà tenuto a partire dal 27 marzo 2009 per 10 lezioni di due ore ciascuna da Andrea Allione. Ecco la sua scheda personale:

Allione Andrea (Pinerolo 1960) Inizia a suonare la chitarra intorno al 1970 e per una decina di anni, oltre ad Hendrix, Beatles, Santana… suona un po’ tutto quello che gli capita di sentire poi scopre i Weather Report, poi, dopo aver visto Ornette Coleman in concerto a Torino, si avvicina al campo del jazz. Dopo i primi ragguagli jazzistici fornitigli dal M°Claudio Morbo, fin dai primi anni 80 si esibisce sulla scena torinese con Flavio Boltro, Aldo Mella, Elio Rivagli, Emanuele Cisi, Massimo Artiglia, Alfredo Ponissi e altri musicisti della zona. Frequenta in seguito alcuni workshop con grandi chitarristi Jim Hall, John Scofield, Joe Diorio, Kevin Eubanks, Gene Bertoncini, Bruce Forman, e segue qualche lezione di armonia con il M° Pinuccio Calì…. Nel 1985 entra negli AREA II di Giulio Capiozzo e incide l’LP "Area II", ospiti Jimmy Owens e Bruce Forman. Nell’86 si trasferisce a Trieste dove insegna chitarra e improvvisazione alla Scuola di Musica moderna e, dal 1987 al 1991 entra nell’orchestra di Paolo Conte con cui si esibisce in festivals e teatri prestigiosi come l’Olympia a Parigi Montreaux jazz, , il Carrè ad Amsterdam, il Blue note a New York … e incide il LP "Live in Canada" (BMG) ed è nel dvd "Live at Amsterdam". Nell 1988 incide "Give me a reason" con la grande cantante sudafricana Miriam Makeba, brano da lei presentato al Festival di Sanremo 1988. Nel 1990 registra "Andros" con Loris Bertot, Paolo Taverna, Furio Di Castri, ospiti Flavio Boltro, Aldo Mella, Emanuele Cisi, Giulio Capiozzo, Elio Rivagli, Antonio Marangolo, Emanuele Ruffinengo, Maurizio Ravalico; per svariate ragioni il cd sarà pubblicato solo nel 2001 per la Nota-Ossigeno. Nel 1992 da vita al Mella & Allione Quartetto, con Aldo Mella al basso, Andrea Ayassot al sax ed Enzo Zirilli alla batteria, e con loro incide il cd "Enklisis", per la collana Strumento (DDD-BMG) che ottiene un discreto successo di pubblico e di critica. Nel 1995 suona nel cd "Afa" di Antonio Marangolo (sax), con Aldo Mella (basso), Ellade Bandini (batteria), e riceve una buona critica a New York (Cadence nov 1997) -…Allione create a fine mellow edgeless-style guitar …-. Nel 1996 fonda il Virtual Trio con Sergio Candotti al basso e Paolo Muscovi alla batteria, con cui tiene numerosi concerti nel nord Italia sperimentando lo sperimentabile tra jazz, pop, fusion, free-funk... nello stesso periodo si esibisce dal vivo in duo con vocalist come Anna Lauvergnac, Adriana Vasques e, in trio con Graziella Vendramin e David Boato con cui registra il cd "Anima". Nel 1997 è in tournee in Spagna e Portogallo con l’organista Alberto Marsico e il batterista sloveno Zlatko Kaucic, ha così modo di suonare in vari jazz-club come -Filloa- a La Coruna, -Hot club du jazz- a Lisbona… Nel 2000 si esibisce in una serie di concerti con Andrea Ayassot, Giovanni Maier e Zeno De Rossi; il nome con cui il quartetto si presenta è Menabò Quartet e con loro incide il cd "Il satellite" ( Nota-Ossigeno). Nel 2001 registra a Trieste con vari ospiti una raccolta di brani originali in stile contemporary jazz, proposti con diversi tipi di formazione che formeranno il cd "Vostok 9", prodotto a Trieste da Andrea Bondel e pubblicato dalla Nota-Ossigeno , sempre nello stesso anno, arrangia e suona ne "Il cercli crevàt", cd del cantautore friulano Renzo Stefanutti, e collabora, come side-man, nel cd "Doi" di Aldo Giavitto e Lino Straulino poi, ritorna a Pinerolo. Riprende a suonare con Loris Bertot al contrabbasso e Mattia Barbieri alla batteria, e con questo trio si esibisce nei club della zona proponendo brani originali più strettamente jazz e rivisitazioni di vari autori del repertorio jazz. Suona in quartetto col -Giorgio Li Calzi, Andrea Allione & the Sugar Mama- con il trombettista torinese Giorgio Li Calzi, Enzo Zirilli alla batteria e Alessandro Maiorino al basso, con cui suona un repertorio particolarmente eterogeneo e visionario … Nel 2002 forma un nuovo gruppo elettrico -Edgeless-, con Alessandro Chiappetta alla chitarra, Luca Russo al basso, Alessandro Raise alla batteria, e con loro nel 2003 registra il cd "Allione Edgeless"(RBE) in cui sono incisi brani suoi originali edgeless-style, senza confine, frontiera … o più semplicemente nu-jazz-rock. Con questo gruppo suona in Francia al Festival Jazz di Gap 2004. Nel 2004 ha partecipato al film di Silvio Soldini "Agata e la tempesta", suonando in una scena, in duo con Giancarlo Gentile (voce e chitarra acustica), un brano di loro composizione dal titolo "Next to nothing", inciso e pubblicato nell’ omonimo cd con la colonna sonora del film edito dalla CAM. Nel 2005, registra con Aldo Mella il cd "Per fortuna c’è il cavaliere" del cantautore torinese Fausto Amodei. Nel 2006 registra dei brani nel cd "Aritmiaritmetica" del contrabbassista cuneese Francesco Bertone, con cui si esibisce anche dal vivo in quartetto con il clarinettista Piero Ponzo e Marco Puxeddu alla batteria. Nell’estate 2006 ha suonato nel quartetto di Emanuele Cisi al Festival di Stresa, e accompagnato la cantante Paola Mei in uno special live su Mina tenuto a Sanremo, con Luigi Bonafede alla batteria e Loris Bertot al contrabbasso, con cui si è esibito e si esibisce anche in trio. Nel 2007, con questi ultimi, più il sassofonista Massimo Baldioli, suona al Festival Jazz di Padova , al Caffè Pedrocchi, nel quartetto di Luigi Bonafede, con cui nel maggio 2008 ha inciso come Luigi Bonafede Quintet un nuovo cd dal titolo "To advance"pubblicato da Ultra-Sound di Belgioioso (Pavia). Nel 2008, in trio con Mario Tavella al contrabbasso e Riccardo Ruggieri alla batteria ha inciso il cd "Strada Genova 241" al momento in fase di stampa, in puro stile jazz con otto standards che si rifanno principalmente a John Coltrane, tra cui "Impressions", e "Remember Rockfeller at Attica" di Charles Mingus. Nel 2008 è stato anche pubblicato dalla DDE Records il nuovo cd di Edgeless "Matassa" con 9 brani edgeless-style di Allione e Chiappetta e una versione di -Palladium- di Wayne Shorter. Sempre nel 2008 ma al momento in fase di produzione, ha inciso il cd "Easy listen", che come suggerisce il titolo è in stile pop-jazz (.... più una famosa citazione rock...) da solo, sovraincidendosi ed usando solo ed esclusivamente chitarre, acustiche ed elettriche. Inoltre, ha suonato con Jimmy Owens, Lou Blackbourne, Tommy Campbell, Ray Drummond, John Hicks, Idrees Mohammed, Guido Scategni, Larry Nocella, Sergio Endrigo, Johnson Righeira … …....... e ricevuto la stima di Elvin Jones, Dave Holland, John Scofield, Al Jarreau